Err

Estate '36

(Codice: 0104)
13,00 EUR
Aggiungere al carrello
Estate '36

Ambientato durante il fascismo, nella campagna toscana, il romanzo descrive la vicenda umana di un possidente notaio di quarant’anni, vedovo, libertino e minato dalla tubercolosi che s’innamora della giovane figlia del suo mezzadro decidendo così di dare un senso alla sua esistenza ormai perduta nel vortice del vizio e della malattia, sposandola.

Trascurando completamente la volontà della giovane, quindi, sigla un patto scellerato col futuro suocero, avido e privo di scrupoli.

In aperta dissonanza, però, con le voci sulla fama da dissoluto prepotente che aleggiano sul notaio Narciso De Risi, costui si rivelerà essere animato da un sentimento autentico e nobile verso la moglie e saprà attenderla e sostenerla in ogni suo desiderio, rispettando anche il disprezzo che gli dimostra.

Su entrambi i personaggi incombe, anche se per motivi differenti, un passato di sofferenza e oscurità; diverse, poi, sono le figure che compaiono nella narrazione facendo da cornice alla vicenda ma anche costituendo uno stigma di certi modi d’essere.

Una storia a tratti angosciosa e coinvolgente, a tratti pure indecente e forte, che incarna tuttavia una speranza, quella appunto, di riuscire a superare la notte dell’esistenza anche quando le tenebre sembrano ormai inesorabilmente calate sul cammino per effetto di un destino beffardo.